Valerioventuri’s Weblog

maggio 11, 2008

C’è un killer seriale in Lombardia?

Filed under: italia — valerioventuri @ 1:37 pm

per il secoloxix

 MILANO. Scatta l’allarme serial killer in Lombardia. Domenica pomeriggio è stato rinvenuto il cadavere di una donna tra gli sterpi della Valvassina; si trovava vicino ad una stradina che conduce a Esino Lario, nel piccolo Comune di Perledo; sempre in provincia di Lecco, a pochi chilometri da dove, l’estate scorsa, furono ritrovati i corpi di due prostitute rumene, Luminata Dan e Ionela Dragan, uccise e chiuse dentro sacchi della spazzatura.

Pure il corpo della giovane scoperta domenica mattina era rinchiuso in un sacco di plastica. Un gruppo di escursionisti, tra cui una guardia di vigilanza privata, stava passeggiando da quelle parti. Ad un tratto il vigilante ha sentito del cattivo odore; i trekker pensavano di trovarsi vicino alla carogna di un animale. Ma nell’imballaggio di plastica verde, invece, c’era una salma umana. Per scoprire l’agghiacciante verità, gli escursionisti hanno tentato di fare un piccolo taglio sul sacco; quindi hanno chiamato i carabinieri del Comando provinciale. La zona è tranquilla, un fatto del genere colpisce allo stomaco anche gli agenti più ispidi del locale nucleo operativo.

Grazie all’intervento dell’unità rocciatori – coinvolta perché la stradina della riesumazione è impervia – i militari, subito accorsi, riescono a prendere il corpo impigliato tra i rovi. Quindi l’hanno portato all’ospedale «Manzoni» di Lecco per una prima disanima esterna. I medici hanno pochi elementi, per ora: lavorano per capire la causa e la data della morte, ma escludono senza indugio le cause naturali. Per ricostruire l’identità della defunta ci vorrà tempo, dicono, ma sembra già, dai primi elementi, che si tratti di una prostituta, portava abiti sgargianti e minimal. Con l’autopsia, prevista in settimana, si avranno nuovi importanti elementi.

Intanto l’indagine continua. Il Sostituto Procuratore Lucio Fuzio sta valutando gli elementi raccolti dalle perizie ambientali al fine di stabilire eventuali collegamenti col ritrovamento dei due cadaveri avvenuto la scorsa estate a Morterone, sempre in provincia di Lecco. Le modalità delle uccisioni, la tipologia delle vittime coincide; così come coincide la casualità, il fortuito ritrovamento in sacchi di plastica dei cadaveri. Il timore, ora esplicitamente ammesso, è che i delitti siano collegati. In questo caso, ci sarebbe da trovare un misterioso assassino seriale.

Per il delitto di Luminata Dan e Ionela Dragan, il reparto operativo di Lecco aveva fatto scattare le manette ai polsi dei componenti di una gang italo-romena, che sfruttava e favoriva la prostituzione tra le province di Lecco, Como Varese e Milano. I serrati controlli negli ambienti del sesso a pagamento avevano escluso la possibilità dell’intervento di un killer psicotico. Ma ora le vicende si intrecciano e si complicano: nei giorni passati si era parlato di un’imminente svolta delle indagini su duplice omicidio delle rumene; adesso l’omicidio di Esino Lario riapre ogni ipotesi più nera. C’è un’unica mano, dietro la mattanza?

Il cadavere esaminato nell’ospedale Manzoni aveva poco più che vent’anni: carnagione chiara, addosso solo una minigonna e una maglietta attillata. Nessun segno di arma da fuoco, ma la presenza vistosa di tagli su tutto il corpo e tracce di un possibile strangolamento sul collo. Gli inquirenti pensano che la ragazza, forse dell’est Europa, sia stata uccisa altrove; che l’assassino – o gli assassini – l’abbia trasportata nel bosco per far perdere ogni traccia del misfatto. Il sacco verde, però, s’è impigliato nei rovi; un braccio è spuntato fuori a contrastare con l’armonia della verzura. Il vigilante che trovato il cadavere ha strabuzzato gli occhi; non ci voleva credere, dice che se lo ricorderà per tutta la vita. I placidi lecchesi che vivono nella zona si dicono sconvolti: «ci siamo risvegliati da un incubo che non è ancora finito.» Qui, anche le prostitute invocano i poliziotti di zona, le ronde.

Valerio Venturi
Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: