Valerioventuri’s Weblog

aprile 3, 2008

Garlasco, indagini in Stasi, dottor Stasi

Filed under: attualità,italia — valerioventuri @ 6:32 pm

MILANO. Dottor Alberto Stasi: l’unico indagato per l’omicidio di Chiara Poggi di Garlasco –avvenuto il 13 agosto dello scorso anno – si è laureato alla Bocconi di Milano con 110 e lode. Stasi, fidanzato con la Poggi, ha chiuso il biennio specialistico in economia e legislazione dell’impresa presentando ai professori meneghini una tesi su ‘Profili tecnici e normativi nella tassazione delle imprese d’assicurazione’. Il giovane ha sbancato. Era in compagnia dei suoi genitori: tutti soddisfatti ma soli, visto che la discussione è avvenuta a porte chiuse. All’entrata sembrava sereno: giacca nera e cravatta regimental a righe bianche e blu, vestito impeccabile, occhi di ghiaccio che non trasmettono segnali. Quindi la performance in aula magna. Stasi ha parlato per circa mezz’ora conquistando l’attenzione del corpo docente, forse incuriosito dalla specificità dell’allievo. La proclamazione è avvenuta in grande stile: la lode avrà portato al bacio accademico?

Ad ogni modo, l’evento si è consumato in tempi stretti: Alberto è uscito dalla sede distaccata dell’università milanese di viale Isonzo poco prima delle 9. Forse per l’ora, pochi erano i curiosi nei dintorni. Gli  studenti pascolanti, mattinieri, fanno ironia: visto il 110 e lode, nessun sospetto – malignano – almeno sul fatto che Alberto di Garlasco fosse un bravo studente. Sul resto: chissà? Senza dubbio la discussione del ventiquattrenne bocconiano, inizialmente prevista in ottobre, è andata bene: secondo l’avvocato Giuseppe Colli, il suo assistito si è presentato davanti alla commissione «tranquillo» ed è uscito contento per aver raggiunto «un traguardo importante tanto agognato». Il seguito è andato a Garlasco per una festa di laurea tra parenti e amici; un pranzo a più portate nella casa di famiglia, lontano dai curiosi. Un momento di felicità raro, da conservare con gelosia; perché le indagini continuano, e le ‘noie’ processuali sono dietro l’angolo. I media hanno parlato delle disgrazie di Erba e Gravina, ma gli inquirenti hanno proseguito a verificare ipotesi. Stasi rimane il ‘sospettato numero 1’, anche a causa del suo lavoro universitario, finito sotto la lente di ingrandimento dei detective: attorno alla scrittura della tesi ruotano ipotesi determinanti. La difesa del giovane ha sempre sostenuto che la mattina dell’omicidio Alberto Stasi era nella sua abitazione a lavorare sul computer, ma alcuni esami informatici hanno dato esiti diversi, contraddittori. La partita è ancora aperta: da capire se Alberto, la mattina del 13 agosto 2007 fosse operativo come studente specializzando della Bocconi oppure in veste di killer insospettabile. Nel paese circolano voci e rimbalzano opinioni. Qualcuno si è anche rotto le scatole e spera in momenti di buio informativo. I magistrati lavorano al rebus. Stasi, sperando in un futuro da tecnico di imprese assicurative, dedica la tesi alla fidanzata scomparsa e aspetta la pergamena. Forse si chiede se arriverà prima della fine del processo.

Valerio Venturi 

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: