Valerioventuri’s Weblog

febbraio 21, 2008

Intervista a Matvejevic: perchè il Kosovo indipendente è pericoloso

Filed under: attualità,europa/mondo,interviste,politica — valerioventuri @ 11:42 pm

MILANO. Il Kosovo indipendente preoccupa Predrag Matvejevic. Padre russo, madre croata, Matvejevic è nato in Bosnia; ora insegna alla Sorbonne di Parigi e alla Sapienza di Roma. E’ studioso stimato dei travagliati paesi balcanici: una zona complessa, che in un modo o nell’altro finisce per coinvolgere, con le sue idiosincrasie, tutta l’Europa. Spiega Matvejevic: «Non dimentichiamo che è da sempre una regione d’asse: da qui passa lo scisma cristiano, cattolico e ortodosso, e nelle frantumazioni si è inserita la componente musulmana. La sua storia riguarda tutti. Ma ognuno vede le sue ragioni, ed è difficile mettere insieme tante contraddizioni.»

Ora che il Kosovo rivendica l’indipendenza, quali scenari si aprono?

«Attendiamo sviluppi. Si può temere che Tadic, tutto sommato ‘europeo’, moderato, si trovi in una posizione più difficile. Vedo la maggiore conseguenza negativa se penso all’entità della popolazione serba in Bosnia. Se tale parte minaccia di unirsi alla Serbia, sarebbe imitata da quella croata che è in Bosnia, che cercherebbe di unirsi alla Croazia. Torneremmo indietro, al ’92… Senza dubbio la crisi avanza; ma forse gli americani potrebbero convincere gli albanesi ad aspettare, per dare possibilità a Tadic di scegliere meglio il suo governo, per accogliere con prontezza  l’opposizione nazionalista.»

Quale il ruolo della Ue?«Difficile dirlo. E’ una realtà non omogenea: alcuni paesi, come l’Italia, sono pronti a riconoscere il Kosovo a maggioranza albanese – il 90% della popolazione; altri temono che la novità apra possibilità nefaste: il Belgio paventa divisioni tra fiamminghi e valloni, la Spagna problemi con baschi e catalani, la Grecia per Cipro. Stesso discorso vale per la Russia: per ciò Putin ha fatto dichiarazioni forti; certamente non è un amico della Serbia ortodossa, la religione per lui non è importante; teme piuttosto che i ceceni facciano la scelta dei kosovari. La crisi ha per questo preso una dimensione internazionale.» Come è cambiata la storia del Kosovo e dell’area dopo il conflitto degli anni ’90? «Siamo alla fase finale dello sfacelo della ex Jugoslava. Gli albanesi kosovari prima non erano separatisti; tra loro non c’era il conflitto religioso che esiste tra slavi. Durante gli ultimi anni di dominio centrale, erano gli ultimi a portare alta l’effige di Tito. Questo perché il generale aveva riconosciuto la loro autonomia: secondo l’ultima costituzione unitaria, del ’74, avevano diritto di veto nell’assemblea federativa… Ma nel ’99, oltre all’infausta pulizia etnica di Milosevic, c’è stata un’altra questione che ha mutato la demografia del paese: gli albanesi kosovari, avendo una percentuale di crescita alta, hanno mutato il volto della regione; così molti serbi kosovari sono fuggiti in Serbia; la pulizia etnica di Milosevic obbligò molti a fuggire oltre l’Adriatico grazie alle mafie internazionali; dopo l’esodo, gli albanesi kosovari hanno avuto un atteggiamento repressivo verso i serbi rimasti: pure i monasteri sono stati bruciati, non era mai successo.»

Alcuni temono che l’indipendenza indebolirebbe la legalità, l’evoluzione del Kosovo …

«Negli ultimi anni l’Albania ha avuto indubbia crescita. Il Kosovo, che era più sviluppato grazie all’apertura delle frontiere, è in stagnazione. I kosovari stessi mi dicono: “siamo una katanga!” Ed anche se la Ue cambia i suoi rappresentanti, lì non si registra alcuno sviluppo positivo.»Teme un nuovo conflitto?

«Sul territorio sono tutti troppo esausti per affrontare una guerra. Speriamo che le truppe Onu facciano il loro lavoro, che impediscano il carattere bellico della crisi. Ricordo che il contingente italiano è il più importante tra quelli schierati in zona: i numeri non sono chiarissimi, ma si parla di più di duemila soldati.»

 Valerio Venturi

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: